Patologie traumatiche del rachide lombare

Artrodesi lombare posteriore per frattura lombare


stabilizzazione lombareCaso di stabilizzazione dalla terza (L3) alla quinta (L5) vertebra lombare in seguito a frattura post-traumatica della quarta vertebra lombare (L4) dovuta ad un incidente stradale. La stabilizzazione è stata eseguita con approccio posteriore mediante viti trans-peduncolari e barre in titanio. La Figura A mostra la proiezione sagittale (o laterale) della colonna vertebrale all’esame TC post-operatorio. Le viti sono in sede e correttamente posizionate all’interno dei peduncoli vertebrali. Le Figure B, C e D mostrano le viti in proiezione assiale sui tutti e tre i livelli trattati (L3, L4, L5). La Figura E rappresenta la ricostruzione tridimensionale del costrutto dopo l’intervento.

 

Posizionamento di Spine Jack per frattura lombare


Caso di frattura di una vertebra lombare (frecce rosse delle Figure A e B) associato ad instabilità della colonna vertebrale. Il paziente è stato sottoposto ad un intervento di stabilizzazione vertebrale per via posteriore (viti e barre) e posizionamento di doppio Spine Jack per via transpeduncolare. Lo Spine Jack (frecce rosse delle Figure C e D) è un dispositivo che consiste in una rete metallica che si inserisce con tecnica mininvasiva e si dilata una volta inserito nel punto desiderato. La dilatazione del dispositivo consente di rimodellare la vertebra fratturata restituendole la forma e la stabilità di una vertebra sana. La Figura A e B mostrano lo studio TC pre-operatorio rispettivamente nella proiezione laterale e frontale, la Figura C e D lo studio RX post-operatorio, rispettivamente nella proiezione laterale e frontale.